Successioni e Trusts
|
16 aprile 2019

Unioni civili: il partner è successore legittimo

La Legge Cirinnà introduce l’unione civile tra due persone dello stesso sesso.

In virtù della piena equiparazione giuridica il partner di un’unione civile acquisirà allora il medesimo status che spetterebbe al coniuge superstite in caso di matrimonio. Pertanto, la Legge estende ai partner la disciplina sulle successioni e, in particolare, le disposizioni relative alla successione legittima, legittimaria, alla indegnità, alla collazione e al patto di famiglia.

Infatti, in assenza di testamento il partner acquisirà lo status di successore legittimo, conseguendo il diritto alla legittima e ad abitare nella casa adibita a residenza dei componenti l’unione, oltre il diritto di usare i mobili che la corredano.

Non solo successore legittimo ma anche successore necessario, essendogli riconosciuto il diritto ad esperire tutte le azioni necessarie a reintegrare la sua quota di legittima nel caso in cui questa sia stata lesa mediante disposizioni testamentarie o donazioni effettuate dall’altro partner.

Non si applicheranno, tuttavia, le norme sul coniuge separato, mentre troveranno applicazione quelle previste per l’ex coniuge divorziato.