diritto societario
|
09 ottobre 2018

Soci imprenditori e soci finanziatori: disco verde per la clausola put

Via libera alle put a prezzo concordato: la Cassazione conferma la legittimità dei patti di retrocessione senza perdite ed esclude che in tali ipotesi vi sia elusione del divieto del patto leonino.

Chi intende investire, invece di optare per un finanziamento, può entrare a far parte della compagine sociale attraverso l’acquisizione di una partecipazione al capitale sociale e, allo stesso tempo, garantirsi una sicura way out.

Per evitare di subire i risultati negativi dell’impresa, il socio finanziatore può, con un patto parasociale, concordare con i founder la sua uscita attraverso la vendita della propria partecipazione in un dato momento, in determinate circostanze e al medesimo prezzo di acquisto. Anzi, c’è possibilità anche di guadagno: la put, infatti, può includere nel prezzo concordato di riacquisto anche gli interessi.

Attenzione, dunque, a questo nuovo strumento societario che potrebbe favorire la conclusione di numerose alleanze strategiche tra finanziatori e imprenditori in cerca di capitali.