Successioni e Trusts
|
22 maggio 2020

Il testamento come strumento utile per un passaggio generazionale di successo

Sapevi che solo l’8% degli italiani pianifica il trasferimento intergenerazionale della propria ricchezza? In particolare, la legge mette a disposizione una serie di strumenti che hanno la funzione di pianificare e organizzare la trasmissione della ricchezza, ma districarsi tra le norme e scegliere quello più adeguato a noi, non è sempre così facile.

La pianificazione successoria è infatti come un vestito su misura: ciò che è adatto per una persona, non è detto che lo sia anche per le altre. Scopriamo allora insieme quale strumento utilizzare per una pianificazione successoria di successo.

Sebbene solo il 12,26% delle successioni italiane avviene mediante testamento, questo strumento consente di gestire efficacemente il passaggio generazionale della propria ricchezza e, se ben costruito, permette di realizzare una visione d’insieme dell’intero patrimonio.

I suoi vantaggi sono:

– è un atto sempre revocabile dal testatore prima della sua morte

– assume efficacia solo dopo la morte del testatore

– consente di gestire meglio le situazioni familiari complesse

– presenta bassi costi in quanto al momento della sua redazione non viene richiesta nessuna imposta essendo tutto posticipato al momento dell’apertura della successione

– è un documento certo e sicuro in quanto per i testamenti ricevuti o depositati dal notaio, il registro generale dei testamenti permette di conoscere se una persona deceduta ha fatto testamento e presso quale notaio è depositato.

 

Seguiteci su LinkedIn