Successioni e Trusts
|
24 novembre 2021

Per rinunciare validamente all’eredità, il chiamato, nel possesso dei beni, deve fare l’inventario.

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 36080 del 23 novembre scorso, ha affermato che il chiamato all’eredità che si trovi nel possesso dei beni del de cuis non può rinunciare all’eredità se non compie l’inventario entro tre mesi dall’apertura della successione o dal giorno di ricevimento della notizia di decesso.

Il chiamato nel possesso dei beni ereditari, se non effettua l’inventario entro il suddetto termine, sarà considerato come erede puro e semplice e risponderà dei debiti ereditari anche con il proprio patrimonio.

L’accettazione con beneficio di inventario permette al chiamato di separare il proprio patrimonio da quello del defunto rispondendo nei limiti di quanto ricevuto in eredità.

 

 

Seguiteci su LinkedIn