diritto societario
|
24 giugno 2020

Le partecipazioni auto-estinguibili

Con la recentissima Massima n. 190, la Commissione Società del Consiglio Notarile di Milano ha previsto un particolare e innovativa tipologia di clausola statutaria di Spa o Srl che prevede l’automatica estinzione di azioni o quote al decorso di un certo termine o al verificarsi di una condizione non meramente potestativa, pur in assenza di un diritto di liquidazione a favore del titolare delle partecipazioni medesime.

Addirittura specifica la Commissione che, se si tratta di partecipazioni prive del valore nominale e non viene previsto alcun diritto di liquidazione a favore del titolare, l’estinzione delle azioni o delle quote avverrà automaticamente, senza le necessità quindi di provvedere all’adeguamento dell’ammontare del capitale sociale.

Se, invece, si tratta di azioni con indicazione del valore nominale, l’estinzione delle azioni comporterà la riduzione del capitale sociale, oppure l’incremento del valore nominale di tutte le altre azioni, con gli eventuali arrotondamenti ove necessari.

 

Seguiteci su LinkedIn