fiscalità
|
09 novembre 2022

Rinuncia al diritto di abitazione: quali imposte si pagano?

Con la risposta all’interpello n. 525 del 26 ottobre 2022, l’Agenzia delle Entrate ha affermato che all’atto di rinuncia a titolo gratuito al diritto reale di abitazione su un immobile, si applica l’imposta di donazione.

Secondo l’AE, sotto il profilo fiscale l’atto di rinuncia a titolo gratuito dev’essere considerato un “trasferimento” ai sensi dell’articolo 1 comma 2 del D. Lgs. 31 ottobre 1990 n. 346 e ciò a conferma di quanto recentemente precisato anche dalla Corte di Cassazione, con la sentenza n. 2252 n. 2019, la quale ha affermato che la rinuncia genera un arricchimento nella sfera giuridica altrui.

Sono dovute, inoltre, le imposte ipotecaria e catastale rispettivamente nella misura proporzionale dell’1 per cento, ai sensi dell’articolo 1 della Tariffa, allegata al decreto legislativo 31 ottobre 1990, n. 347 e del 2 per cento, ai sensi dell’articolo 10 del medesimo decreto.

 

Seguiteci su LinkedIn