MN stories
|
30 gennaio 2019

Il diritto al servizio dell’arte

Quando si uniscono creatività artistica e creatività giuridica non può che risultare il meglio per l’arte e per gli affari.

Milano Notai, assieme all’advisor finanziario Marco Avogaro di Doyen Investment Partners e all’avvocato Stefano Dettoni dello studio Sinopoli & Partners, ha assistito la S.p.A. che gestisce una rinomata galleria d’arte milanese in una emissione di strumenti finanziari partecipativi (SFP) finalizzata a reperire risorse per l’acquisto di opere d’arte da parte della galleria.

A fronte della sottoscrizione degli SFP e del relativo versamento di importi in denaro a favore della società, agli investitori che sottoscrivono gli SFP spettano specifici diritti patrimoniali connessi alla vendita sul mercato delle opere d’arte della galleria, secondo un meccanismo di c.d. waterfall disciplinato nel regolamento degli SFP.

Il duttile strumento degli SFP sì è dimostrato molto utile nel favorire l’incontro degli interessi della galleria e degli investitori. Gli SFP, introdotti dalla riforma del diritto societario del 2003, sono uno strumento giuridico dal grande potenziale. Questa incursione nel modo dell’arte ne è una dimostrazione.