startup e innovazione
|
04 febbraio 2019

Il crowdfunding si apre ai minibond

Tra le misure volte a incentivare sempre di più gli investimenti in startup e PMI, la Legge di Bilancio 2019 ha ulteriormente ampliato il ventaglio di opportunità per reperire capitali di rischio tramite i portali di crowdfunding.

In particolare sarà possibile, successivamente all’aggiornamento del regolamento Consob sulla raccolta di capitali di rischio tramite piattaforme on line, ricorrere alla sottoscrizione di obbligazioni o altri titoli di debito da parte di investitori professionali e altre particolari categorie di investitori eventualmente individuate dalla Consob stessa.

Si tratta quindi di uno scenario innovativo mai visto prima in Italia, in quanto per la prima volta le piattaforme fintech, cuore pulsante dell’equity crowdfunding, si apriranno al mercato dei minibond intesi quale strumento di finanziamento alternativo e complementare rispetto al credito bancario.

Pertanto, quella del bond crowdfunding, sarà un’opportunità che il mercato degli investitori non potrà certamente lasciarsi sfuggire, così da diversificare maggiormente le fonti di finanziamento e ridurre la dipendenza dal sistema bancario.