fiscalità
|
22 maggio 2020

Decreto Rilancio: ecobonus del 110 % per l’efficientamento energetico degli immobili

Il Decreto Rilancio prevede un importante incentivo per l’efficientamento energetico del settore immobiliare.
Per accedere all’ecobobus del 110 % sono state previste tre diverse tipologie di interventi edilizi:

– cappotto termico dell’edificio con spesa massima di 60.000 euro per ciascuna unità immobiliare. Quindi in caso ad esempio di un condominio con 10 unità immobiliari il limite massimo di spesa sarà di 600.000 euro e quindi, appunto, 60.000 euro per ogni singola unità immobiliare

– sostituzione della caldaia tradizionale con una caldaia a condensazione o pompa di calore con efficienza energetica minima di classe A e per una spesa massima di 30.000 euro per ciascuna unità immobiliare

– interventi su edifici unifamiliare per sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti a pompa di calore, ivi inclusi quelli abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici per una spesa massima di 30.000.

Queste tre diverse tipologie di interventi hanno il vantaggio di trainare a loro volta tutte le altre opere ad esse collegate che se, cumulate, vedranno quindi anch’esse riconosciuta la detrazione al 110%.

Se, invece, non si volesse sfruttare tale effetto “trinante” e si decide, ad esempio, di cambiare gli infissi piuttosto che di rifare la facciata dell’edificio, senza però fare anche il cappotto termico, l’ecobonus non sarà più del 110 % ma sarà un ecobonus tradizionale del 65 % per gli interventi di efficientamento energetico e del 50 % per le opere di edilizia ristrutturativa.

 

Seguiteci su LinkedIn