diritto societario
|
18 novembre 2019

Cartolarizzazioni immobiliari: le nuove Reoco

Il Decreto Crescita, per facilitare le operazioni su crediti deteriorati di natura immobiliare, ha fornito una serie di innovazioni in tema di Reoco (Real Estate Owned Company) vale a dire quelle società immobiliari costituite per acquistare e valorizzare gli immobili a garanzia dei crediti deteriorati di proprietà di banche o di altri investitori.

Il vantaggio è costituito dall’opportunità di costituire una o più Reoco nell’ambito della medesima operazione di cartolarizzazione e dalla previsione che il trasferimento di beni mobili, immobili e altri diritti a favore della Reoco costituirà patrimonio separato, non potendo quindi essere aggredito da parte di altri creditori rispetto alla società di cartolarizzazione.

Relativamente alle agevolazioni fiscali, qualsiasi reddito prodotto dal patrimonio separato non sarà imputabile alla Reoco, considerata fiscalmente neutra, nel senso che il reddito prodotto dal suo patrimonio segregato è escluso dalla tassazione sul reddito di impresa.

Importanti agevolazioni fiscali sono inoltre previste in materia di imposte di registro, ipotecaria e catastale che troveranno applicazione in misura fissa, quindi pari a 200 euro, non solo in sede di acquisto dei beni e diritti da parte della società veicolo, ma anche rispetto agli accolli di debito e alle garanzie di qualunque genere, da chiunque e in qualsiasi momento prestate, in favore della società di cartolarizzazione.

 

Seguiteci su LinkedIn