startup e innovazione
|
17 febbraio 2021

Agevolazioni fiscali del 50% per chi investe in start up e PMI innovative

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il provvedimento che attua gli incentivi previsti dal Decreto Rilancio.

Per le persone fisiche che scelgono di investire in start-up e PMI innovative è prevista un’agevolazione del 50%.
La nuova agevolazione prevede regimi differenziati a seconda dell’impresa target in cui si investe:

– per le start-up l’investimento massimo agevolabile non può essere superiore a 100.000 €

– per le PMI innovative l’investimento massimo agevolabile non può essere superiore a 300.000. €

Per quel che concerne le PMI innovative, per la parte eccedente la soglia dei 300.000 € si applicherà la detrazione del 30% prevista dal regime ordinario.

L’investimento, che può essere effettuato direttamente nel capitale sociale o tramite fondi comuni di investimento, deve essere mantenuto per almeno tre anni.

Per accedere al bonus il MISE predisporrà una piattaforma digitale dove l’impresa beneficiaria dovrà, tramite istanza online, indicare:

– i dati identificativi dell’investitore, dell’impresa e dell’OICR in caso di investimento indiretto

– l’ammontare dell’investimento

– l’ammontare della detrazione che l’investitore intende richiedere.

L’ammontare massimo degli aiuti concessi all’investitore non può comunque superare i 200.000 € nell’arco dei tre esercizi finanziari, rientrando negli incentivi in regime “de minimis”.

Per gli investimenti effettuati nel 2020 l’impresa beneficiaria potrà presentare istanza anche successivamente all’investimento, purchè la presenti nel periodo tra il 1 marzo e il 30 aprile 2021

 

Seguiteci su LinkedIn